facebook-hoover twitter-hoover behanse-hoover ukbettips-hoover
Betting tipsPronosticos apuestasPonturi pariuriPronostici scommesseWetten tippsAposta e Ganha
Pronostici scommesse sportive - Pronostici calcio gratis, consigli scommesse

Coppa del Mondo 2014 - PORTOGALLO

Il fenomenale playoff fra Svezia e Portogallo, con il duello fra Ibra e CR7, ha fatto dimenticare il cammino balbettante dei lusitani.
cristianoronaldo
Portugal forward Cristiano Ronaldo

La prospettiva che uno dei giocatori più forti del calcio moderno potesse perdere la possibilità di arricchire il proprio palmaires sul palcoscenico più importante ha catalizzato l'attenzione del pubblico.

Rispetto ai suoi standard impeccabili Ronaldo ha vissuto una fase a gironi in tono minore.

La sterilità realizzativa della star del Real Madrid, potrattasi per sei partite tra il goal del pareggio durante la faticosa partita di apertura poi vinta per 2-1 contro il Lussemburgo e la tripletta siglata nel secondo tempo in una dura partita contro l'Irlanda del Nord portata a casa per per 4-2, si riflette nelle difficoltà della sua squadra.

Se il troppo affidamento che il Portogallo fa su Cristiano Ronaldo può essere visto come un fatto negativo in queste situazioni,  non si può dire lo stesso quando il fuoriclasse sale in cattedra come in occasione delle due notti indimenticabili contro la Svezia; in questo caso la squadra è in grado di creare problemi a a qualsiasi altra selezione partecipante al Mondiale del 2014.

Nel match di andata contro gli scandinavi, Cristiano Ronaldo si gettò coraggiosamente davanti a Martin Olsson per deviare di testa il cross di Miguel Veloso all'82esimo minuto consegnando, così, al Portogallo un leggero vantaggio in casa prima di sparare i fuochi d'artificio al Solna Friends Arena.

Dopo un primo tempo terminato a reti inviolate nonostante i notevoli sforzi dei due campioni, al quinto minuto del secondo tempo Ronaldo ha finalizzato lo squisito traversone di Joao Moutinho.

Ma il risultato era tutt'altro che in cassaforte visto il pareggio di testa di Ibrahimovic a cui è seguita la violenta punizione dello stesso cent avanti che dava alla Svezia il vantaggio, lasciando a Ronaldo il compito di fare a fette la difesa  di casa per due volte ed assicurare al Portogallo la qualificazione alla quarta fase finale consecutiva del Mondiale, ossia la sesta in totale.

E' stato un finale mozzafiato degno dei due meravigliosi giocatori anche se la squadra di Paulo Bento ha seguito un faticoso percorso per arrivarci.

Il match contro la Russia è risolto in apertura da Alexander Kerzhakov che appoggia in rete lo splendido assist di Roman Shirokov e garantisce alla formazione di Capello il primo posto nel girone.

Helder  Postiga è il capocannoniere della sua squadra nella fase a gironi con sei goal e gioca un ruolo chiave nell'evitare possibili umilizioni nelle successive due partite del Portogallo. Niall McGinn ha condotto l'Irlanda del Nord ad un'impensabile vittoria fino a 10 minuti dalla fine prima che Postiga siglasse la rete del pareggio.

In Israele l'attaccante del Valencia dà il via alla rimonta che si perfeziona nei minuti finali con l'insperato goal di Fabio Coentrao che vale il 3-3.

Le due vittorie contro l'Azerbaigian fanno da contraltare al magro bottino di due punti conquistati in tre partite tenendo il Portogallo con la testa fuori dall'acqua.

Il solito Postiga fu ancora una volta l'eroe nazionale siglando l'unico goal nella rivincita contro la Russia a Lisbona.

Lo stesso attaccante, però, ricevette il cartellino rosso per una testata a Gareth McAuley a Belfast con l'Irlanda del Nord che si trovò in vantaggio per 2-1 e sull'orlo di una vittoria sensazione prima che Cristiano Ronaldo gli spazzasse via.

Il pareggio contro Israele condannò i portoghesi ai play-off ma non si può parlare di una squadra fondata su un unico giocatore. Joao Pereira e Coentrao sono due arrembanti terzini che fiancheggiano la coppia muscolare formata da Pepe e Bruno Alves per una dinamica difesa a quattro, mentre Postiga ed il centrocampista Moutinho pongono le basi fondamentali per il loro capitano carismatico.

In ogni caso è chiaro il potere di Cristiano Ronaldo che con la tripletta alla Svezia ha eguagliato Pauleta come capocannoniere di tutti i tempi del Portogallo con 47 goal in 109 partite.

Nei Mondiali del 2006 e del 2010, il Portogallo è uscito sconfitto prima per mano della finalista Francia e successivamente contro la Spagna vincitrice.

Qualsiasi squadra abbastanza buona da sconfiggere la potenza di Cristiano Ronaldo e dei suoi compagni può ambire a vincere qualsiasi sfida del torneo.

Apri un conto con bet365  e richiedi il tuo Bonus per i nuovi giocatori del 100% 

Moustache webdesign

Notizie calcio

Sports news