facebook-hoover twitter-hoover behanse-hoover ukbettips-hoover
Betting tipsPronosticos apuestasPonturi pariuriPronostici scommesseWetten tippsAposta e Ganha
Pronostici scommesse sportive - Pronostici calcio gratis, consigli scommesse

Coppa del Mondo 2014 - ITALIA

Quattro volte campione del mondo, l'Italia va a Brasile 2014 come nazionale di maggior successo nella storia proprio dopo i padroni di casa.
italy
Italy celebrate a goal

La prima squadra a conservare il trofeo Jules Rimet nel 1938, i trionfi dell'Italia nel 1982 e nel 2006, uniti alle due sconfitte nelle finali contro il Brasile nel 1970 e nel 1994, hanno dimostrato come gli azzurri facciano il minimo indispensabile nelle prime fasi, prima di crescere verso l'ambito traguardo.

A tal proposito, il cammino nel girone di qualificazione della squadra per la Coppa del Mondo 2014, nonostante la flessibilità tattica del ct Cesare Prandelli, segna un taglio netto con il tradizionale stile di gioco difensivo del catenaccio, che era squisitamente italiano.

Vincitori del Gruppo B europeo con 10 partite senza sconfitte, l'Italia ha spesso sofferto contro avversari poco blasonati. Il fatto che il portiere veterano Gianluigi Buffon sia stato protagonista assoluto ne è la testimonianza.

Tuttavia, nella sera in cui Buffon ha eguagliato le 136 presenze registrate da Fabio Cannavaro, capitano nella vincente Coppa del Mondo 2006, l'Italia ha mantenuto la propria abitudine nel far bene quando contava.

I goal nella ripresa di Giorgio Chiellini e Mario Balotelli hanno cancellato la rete in apertura di Libor Kozak, nella vittoria per 2-1 a Torino contro la Repubblica Ceca, che ha messo al sicuro la qualificazione con due turni d'anticipo.

Grazie a questa partita l'Italia è stata la prima squadra europea a qualificarsi a Brasile 2014, insieme all'Olanda che ha raggiunto il traguardo nella stessa sera. Una svolta di eventi che sembrava improbabile dopo le prime acque increspate nelle quali gli uomini di Prandelli avevano navigato all'inizio nel Gruppo B.

La doppietta di Pablo Daniel Osvaldo è stata una delle poche cose positive nel fortunato pareggio d'apertura contro la Bulgaria.

Mattia Destro ha messo a segno il suo primo goal internazionale dopo cinque minuti di gioco contro Malta a Modena, ma le aspettative di un match già in discesa non sono state mantenute e, quando Federico Peluso ha imitato l'impresa del compagno segnando a tempo scaduto, la delusione sugli spalti era già palpabile.

Una sofferta e lusinghiera vittoria nel match seguente in Armenia, con Osvaldo che ha chiuso le marcature. Ma l'attaccante del Southampton ha vissuto poi una notte da dimenticare nella partita successiva, quando il cartellino rosso rimediato ha messo in difficoltà i compagni, capaci contro la Danimarca di rispondere alle critiche.

A San Siro Riccardo Montolivo ha sbloccato il match con un bel tiro da fuori, ed il centrocampista Daniele De Rossi ha raddoppiato, prima che William Kvist accorciasse le distanze per gli ospiti nei minuti di recupero del primo tempo.

Nove secondi dopo l'inizio del secondo tempo, Osvaldo ha guadagnato la via degli spogliatoi in anticipo per un'inspiegabile gomitata al difensore danese Nicolai Stokholm. Nonostante ciò l'Italia ha rifiutato di chiudersi in difesa e Balotelli ha eluso la trappola del fuorigioco per finalizzare un perfetto passaggio di Andrea Pirlo e sigillare i tre punti.

Una doppietta di Balotelli ha affondato ancora una volta Malta per 2-0, mentre Buffon ha parato un rigore a Michael Mifsud, dando il via ad una serie di tre match consecutivi senza subire goal, arrivati soprattutto grazie alla sua brillantezza. Ma il celebre infiammabile attaccante del Milan Mario Balotelli ha imitato Osvaldo, rimediando un evitabile cartellino rosso durante il match bloccato di Praga.

Questo episodio ha segnato il rilancio in azzurro dell'attaccante veterano Alberto Gilardino nello scontro di vertice con la Bulgaria a Palermo, dove l'attaccante del Genoa ha ripagato la fiducia di Prandelli segnando l'unico decisivo goal del match.

Balotelli è tornato in campo nel match di ritorno contro la Repubblica Ceca, segnando con grande nonchalance il rigore decisivo, prima dei due pareggi per 2-2 contro la Danimarca e l'Armenia, che hanno chiuso il gruppo.

Prandelli sa che Osvaldo, Balotelli ed il compagno di squadra El Shaarawy possono fornire la giusta scintilla in attacco che può creare mal di testa agli avversari, ma sa anche che riuscire a tenerli tutti sulla retta via in Brasile potrebbe far arrivare anche a lui qualche sano mal di testa.

Apri un conto con bet365  e richiedi il tuo Bonus per i nuovi giocatori del 100% 

Moustache webdesign

Notizie calcio

Sports news